La tesi sulla comunicazione aziendale sviluppata durante lo stage in for.me.sa.

Got it! All’Università si parla di For.me.sa.

E’ il frutto di quattro mesi di stage in For.me.sa., la tesi della neolaureata Giorgia Balestrieri, che ha completato il suo percorso di studi presso il Dipartimento Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia, con un approfondimento esplorativo sull’utilizzo della comunicazione in ambito lavorativo ed in particolare sulle strategie epistolari moderne.
Focus dello studio di Balestrieri sono state un notevole numero di email scambiate con alcuni fornitori asiatici: “Got it!” – Effective communication strategies in BELF emails. A case study on For.me.sa. Srl.”, è infatti un’indagine di quei meccanismi che più o meno consciamente adottiamo in ambito lavorativo, quando dobbiamo riuscire a farci comprendere in modo efficace e raggiungere l’obiettivo.
Concorrono in questo scenario in egual misura, in primis le capacità linguistiche, il nostro livello di confidenza con la lingua inglese, intesa come l’esperanto del business, ma anche la nostra capacità di comprendere i riferimenti culturali dell’interlocutore e, infine, il livello di competenza lavorativa, intesa proprio come know how (ancora una volta è proprio l’inglese a venirci incontro con una definizione internazionalmente comprensibile).
Nel mondo globalizzato odierno, la comunicazione aziendale è caratterizzata dall’utilizzo sempre crescente dell’inglese come lingua franca (BELF – business english as a lingua franca), tra parlanti che provengono da svariati contesti linguistici e culturali. In questo scenario, – leggiamo nell’introduzione della tesi – le email rappresentano il principale mezzo di comunicazione utilizzato dalle imprese, sia per la comunicazione interna che esterna. Tuttavia, nonostante l’importanza acquisita da questo genere, le email restano fonte di incomprensioni o fraintendimenti, che possono ripercuotersi sulla comunicazione aziendale. Per questo motivo, lo sviluppo di competenze pragmatiche e la conoscenza di varie strategie comunicative hanno assunto un ruolo fondamentale per i lavoratori nel risolvere i problemi di comunicazione e nel realizzare interazioni efficaci.
Ovviamente, noi in azienda, siamo stati i primi a poter beneficiare dei consigli sulle azioni correttive per una buona strategia comunicativa con i nostri partner e poter finalmente esclamare Got it!

ndr. I nomi di Relatore e Correlatore sono stati volutamente oscurati per questioni di privacy.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Search

+